CASA DELL’ACQUA

Una delle nostre promesse in campagna elettorale è stata quella di presentare progetti per rendere Bovolone un Comune virtuoso. Dopo il successo della webcam in consiglio comunale e l’apertura della commissione regolamenti abbiamo presentato il progetto “casa dell’acqua”.           Mozione Casa dell’acqua

Casa dell’acqua è un progetto che intende promuovere l’utilizzo dell’acqua pubblica di qualità, naturale e frizzante. Un’acqua, quella dell’acquedotto, controllata e sicura.
In Italia ancora troppi cittadini non si fidano a bere l’acqua del rubinetto: un italiano su tre, secondo i dati diffusi dall’Istat. Ciò avviene nonostante il consumo di acqua di casa sia molto più comodo rispetto all’acquisto delle pesanti confezioni, nonostante il risparmio economico sia lampante: in media 0,5 millesimi di euro al litro per l’acqua spillata dal rubinetto di casa, circa 1.000 volte di più per l’acquisto di una bottiglia di minerale.

Giorni di erogazione (medio) = 350
Litri erogati per giorno (medio) = 1600 
Capacità bottiglia = 1,5 litri

350 x 1600 : 1,5 = 373.333 bottiglie in meno da smaltire!

Peso di una bottiglia = 38 grammi
38 x 373.333 = 14.186 chili di plastica PET
Costo di smaltimento PET = 240 € a tonnellata
14,2 T x 240.00 € = 3.400 € risparmiati

Le Case dell’acqua rappresentano un piccolo ma concreto esempio di sostenibilità, grazie al quale le abitudini di migliaia di persone cambiano, viene fornita acqua di qualità, si risparmia e si dà una mano all’ambiente, diminuendo la produzione e la circolazione di plastica e, quindi, le emissioni di CO2 in atmosfera.

Per ogni bottiglia di PET da 1,5 litri non utilizzata l’immissione di CO2 nell’ambiente si riduce di 0,12 grammi. A questo si aggiunge la riduzione dell’inquinamento e del traffico provocati dal trasporto su gomma dell’acqua minerale (solo il 18% dell’acqua minerale viaggia su rotaie).

Ma perché gli italiani non si fidano di bere l’acqua di casa? Salvo casi particolari, si tratta di un’errata percezione che i cittadini hanno nei confronti di una risorsa che è sottoposta a controlli costanti e che spesso deve rispondere a requisiti di qualità più severi rispetto all’acqua imbottigliata. Insomma, l’acqua del sindaco è buona, economica, controllata, non inquina e aiuta l’ambiente.

Aspettiamo fiduciosi gli sviluppi avendo percepito da parte dell’amministrazione un serio interesse.     

Questa voce è stata pubblicata in PROGETTI e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...