Delibera di Giunta n. 32

  • Con determina n.446 del 30 Giugno 2004 sono stati appaltati i lavori per la realizzazione della scuola Ebanisteria.
  • Contratto rep. 3067 del 10 agosto 2004 che appalta i lavori alla ditta DECO srl.
  • Determina n. 743 del 23 Ottobre 2006 viene approvato il 6° SAL per 250149,40€. liquidato su indicazione del Responsabile Servizi Tecnici in 2 momenti: 3 Novembre 114924,81€ e 30 Novembre 2006 160239,53€
  • La ditta Verona Color snc. il 27 Novembre 2006 notifica al comune atto di pignoramento presso terzi. La notifica viene acquisita con protocollo n. 26346 il 29 Novembre 2006.
  • La ditta Di Giovine Carlo il 27 Novembre 2006notifica al comune atto di pignoramento presso terzi. La notifica viene acquisita con protocollo n. 26345 il 29 Novembre 2006.

Contro questi provvedimenti la ditta DECO srl svolgeva opposizione ai sensi dell’articolo 615 codice procedura civile.

  • Il Comune ottempera a rilasciare la dichiarazione del terzo, con protocolli 942 e 944 del 17 Gennaio 2007.
  • Con nota prot. 19351 del 9 Ottobre 2007 viene trasmessa al legale DECO delibera G.C. n. 74/2007 con la quale viene comunicata la contabilità finale che prova un credito del Comune nei confronti di DECO srl.
  • Il 13 Marzo 2008 la ditta DECO srl é dichiarata fallita con sentenza del tribunale di Roma.
  • Il Comune con delibera G.C. n. 94 del 6 Maggio 2008 decide l’insinuazione al passivo (la quale non viene ammessa).
  • Luglio 2008 il Comune, su consiglio dell’avvocato Finardi, accantona 240000,00€ per cause pendenti.
  • Con deliberazione n. 99 del Commissario presentata il 2 Dicembre 2008 il Comune propone opposizione allo stato passivo (non ammesso in prima istanza).
  • L’opposizione allo stato passivo viene rigettata in data 15 Luglio 2009.
  • Con deliberazione G.C. n. 50 del 20 Ottobre 2009 si decide di non ricorrere in cassazione in considerazione della situazione del fallimento e dell’impossibilità di recuperare anche le sole spese legali.
  • Con sentenze 311 e 312 del 28 Gennaio e depositate il 13 Febbraio 2012, il Tribunale die Verona condanna il Comune alla rifusione delle spese di lite di 2400,00€ oltre accessori per ciascuno dei due provvedimenti.
  • La relazione dell’avvocato Finardi pervenuta il 15 Febbraio 2013 prot. n. 3084 consiglia il patteggiamento che prevede un risparmio del 40% rispetto alle somme chieste dalla ditte creditrici.

DELIBERA_GIUNTA_n_32

Voi cosa ne pensate? Noi stiamo indagando!

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...