Si Fumano il Territorio

fumano

Immaginate di essere rinchiusi, con molta altra gente, in una grande sala, sigillata e senza ricambio d’aria, e di avere a disposizione la quota minima d’ossigeno sufficiente per la sopravvivenza, e nella stessa sala, alcuni tabagisti nel rispetto delle regole vigenti, fumano allegramente, consumando così, molto più rapidamente l’ossigeno a disposizione di tutti. Voi, in accordo con la maggioranza dei presenti cosa fareste? Promulghereste una legge con la quale consentire, ai viziosi, di fumarsi tutta la scorta di sigari cubani, promettendo che in seguito, le cose cambieranno e che si potrà accendere una sigaretta solo se si garantirà di essere tossico dipendenti? E dopo aver favorito l’approvazione di questa norma, vi sentireste soddisfatti dell’opera di mediazione realizzata, tra coloro che proponevano la liberalizzazione del fumo e quello che invece ne avrebbero chiesto il divieto? Nella consapevolezza, aggiungo, di aver decretato la morte di tutti i presenti nella sala?

Questa metafora rappresenta, ciò che in realtà è accaduto con l’approvazione del PTCT in consiglio provinciale giovedì 27 giugno 2013, e la soddisfazione espressa alla conferenza “Mattone e Finanza” di Lega Ambiente (il 28.giugno 2013) dall’assessore provinciale, in merito al recepimento del piano di coordinamento territoriale, un piano che prevede la realizzazione nella sola provincia di Verona, di 26 nuovi centri commerciali, 5 nuove autostrade, il motor city, l’interporto di isola della scala, tutto per lo più (dai dati di Lega Ambiente) edificati su terreno agricolo.

La situazione del suolo coltivabile a Verona è oramai giunta al limite minimo della sopravvivenza, ma nonostante ciò, le amministrazioni perseguono l’obiettivo della monetizzazione del suolo e la dispersione urbana, un gioco miope, che consente un approvvigionamento di cassa immediato ma un costo della gestione del territorio nel medio termine insostenibile (basti pensare a quanto costa portare i servizi di base alle nuove aree edificate o fornire i servizi di trasporto urbano).

Il 15% del territorio Veronese è ormai artificializzato e se si tolgono le aree montane del baldo e della lessinia, la quota cementificata riservata alla pianura supera il 22%. La quota di terreno coltivabile sta scendendo sotto il 50%, con gravi ripercussioni sul tessuto sociale ed economico della nostra provincia, senza dimenticare che, come vado ripetendo, il settore trainante del Veronese è proprio l’Agroalimentare con le eccellenze del Vino, del Riso e dell’ortofrutta in generale.

Il nostro futuro sta nella consapevolezza che “l’aria sta finendo” e che a questo proposito non si possono più cercare mediazioni, occorre che le amministrazioni “VIETINO DI FUMARSI IL TERRITORIO”.

Sandro Lavolpe

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Si Fumano il Territorio

  1. Enrico ha detto:

    E’ strano come lo stesso giorno il presidente della Coldiretti, Marini, dichiara che il futuro del nostro paese è investire in Agricoltura:
    http://www.ilmondo.it/economia/2013-06-27/crisi-coldiretti-investire-agricoltura-futuro-paese_282907.shtml
    Inooltre il 4 Luglio alla assemblea nazionale di Coldiretti (presenti vari Ministri e presidente della Repubblica) si è affermato ” il ruolo importante dell’agricoltura nella difesa del nostro territorio, nel garantire un ambiente sano e vivibile per tutti e per la crescita economica grazie al ruolo identitario che l’agricoltura ha nella nostra Nazione”.
    Ancora una volta ci prendono in giro o non credono in ciò che fanno e dicono

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...