Mirandola continua a prendere in giro i Bovolonesi!

Con le nostre osservazioni in consiglio comunale abbiamo evidenziato come le linee programmatiche della maggioranza riportano le stesse promesse fatte 5 anni fa e non mantenute. 

Riportiamo le nostre osservazioni

Enrico Scipolo, Capogruppo M5S

Enrico Scipolo, Capogruppo M5S

TUTELA E VALORIZZAZIONE DELLA FAMIGLIA

Riguardo al “sostegno delle istituzioni scolastiche” in questi cinque anni lo avete drasticamente ridotto passando dai € 42.400 del 2012 ai € 16.500 del 2015. Fra qualche settimana dovrete deliberare il contributo 2016: vedremo se aumenterete il contributo e quindi se l’impegno sarà mantenuto o no.

Iniziative di sostegno scolastico sono anche le agevolazioni su mensa e trasporti. Invece il costo della mensa è passato dai € 3,50 del 2012, ai € 4,00 del 2015, senza che si siano aumentate le soglie di esenzione: infatti come nel 2012 anche oggi basta superare un Isee di soli € 8.000 per non avere diritto ad alcuna agevolazione da parte del Comune e non sono previste riduzioni per chi ha più figli, come invece attuano altri comuni limitrofi.

Per il trasporto scolastico il servizio oggi costa 280 euro contro i 240 del 2013, e le agevolazioni per reddito riguardano solo le famiglie con Isee inferiore a € 5.000, in contraddizione con un altro vostro stesso provvedimento, con cui avete stabilito come limite Isee per assistenza economica € 7.500, definendo chi sta sotto tale cifra in condizione di fragilità sociale. Quindi chi per vostra definizione è in condizioni di fragilità sociale, ma supera i 5.000 euro annui di Isee non ha agevolazioni sul trasporto.

Vi chiediamo di dare vero sostegno alle famiglie in difficoltà aumentando le soglie di esenzione parziale.

Vi chiediamo inoltre di istituire forme di micro-credito per famiglie in difficoltà, come avviene in altri comuni veronesi.

Riguardo al “Sostegno e valorizzazione dei servizi rivolti alla Prima Infanzia”, ci pare si debba fare di più per pubblicizzare e promuovere l’asilo nido all’interno ed all’esterno del Comune.

Anche per il tempo libero è necessario provvedere alla manutenzione ed ammodernamento delle aree giochi comunali e contradali.

Riguardo alla Tutela della famiglia dovremmo estendere gli interventi di Welfare generativo, per cui ogni persona autosufficiente aiutata economicamente dal Comune abbia l’obbligo di dedicare del tempo a servizio della Comunità, ad esempio in affiancamento agli operai del Comune o di Bovolone Attiva o in supporto alle associazioni di volontariato e di quartiere partner del Comune, aiutando presso il Parco del Menago, nei centri contradali, in Parrocchia o in associazioni varie.

Vi invitiamo a investire maggiormente per i tirocini formativi in aziende, magari prendendo spunto dal Progetto “Ridare Fiducia” attuato già con successo nel Comune di Oppeano, col quale si potrebbe realizzare una collaborazione da estendere anche ad altri Comuni.

 

POLITICHE GIOVANILI

Chiediamo che nei fine settimana (sabato sera e domenica pomeriggio) vengano organizzati stabilmente eventi, creando spazi adeguati, anche mobili, per permettere agli adolescenti e giovanissimi di Bovolone di socializzare in modo sano.

Riguardo alla messa a disposizione di locali attrezzati a favore dei giovani per incontri culturali, vi proponiamo di dare gratuitamente una sala comunale per la presentazione alla cittadinanza delle Tesi di Laurea dei nostri giovani, iniziativa felicemente realizzata anche in altri Comuni

 

ISTRUZIONE

5 anni fa vi proponevate la costruzione di una nuova scuola dell’Infanzia. Un progetto che dovrebbe essere portato avanti per sostituire l’attuale plesso di Malpasso, creando una struttura in zona Crosare meglio raggiungibile a piedi ed in bici dalle famiglie.

Va concordata con i Comuni di Oppeano e Isola della Scala anche la realizzazione di una nuova scuola Primaria a Villafontana.

 

ANZIANI

L’istituzione di un albo di badanti italiane e straniere lo avevate promesso anche  anni fa, ma non solo non è stato realizzato, ma non avete nemmeno deliberato i criteri e requisiti per iscriversi a quest’Albo.

Bene la gestione del Centro Diurno di Villa Panteo in collaborazione con l’Emmanuel e l’Ass. La Quercia. Ringraziamo tutti i volontari che si adoperano nel Centro e quelli che garantiscono il trasporto nei luoghi di cura.

 

DIVERSAMENTE ABILI

Riguardo all’abbattimento di barriere negli edifici pubblici abbiamo già detto che lo proponevate 5 anni fa ed è stato fatto poco. Ora aggiungete i marciapiedi. E sarebbe ora visto che molti sono in condizioni tali da presentare barriere architettoniche anche per le persone deambulanti (es.: Via Ormaneto).

Alcuni cittadini in carrozzina ci segnalano che non esiste un servizio comunale di trasporto con carrozzina, presente in numerosi altri comuni. Vi preghiamo di attivarlo quanto prima, essendo indispensabile per chi non ha le risorse economiche per affidarsi a servizi privati.

VOLONTARIATO

Riproponete l’istituzione della Giornata della Solidarietà. E’ un altro obiettivo di  5 anni fa che non avete ancora realizzato.

CULTURA

Per la cultura manca la realizzazione di un vero e proprio teatro.

Inoltre vanno valorizzati i luoghi storici e tutti i monumenti, anche attraverso la creazione di itinerari turistici e di promozione delle attività del territorio. A Bovolone abbiamo 10 edifici, tra pubblici e privati che rientrano nell’elenco dei beni tutelati dalla Sovrintendenza, dei quali anche i residenti non conoscono l’esistenza

 

SICUREZZA

La sicurezza è anche poter camminare o pedalare in sicurezza, senza il rischio di essere investiti, in percorsi ben segnati ed illuminati. I passaggi pedonali almeno in centro devono essere sicuri con la collocazione di un’adeguata segnaletica orizzontale e verticale illuminata.

E’ necessario inoltre aumentare la sorveglianza notturna, in particolare nei luoghi sensibili e nelle zone produttive, anche attraverso lo sviluppo della videosorveglianza ad alta definizione

 

BILANCIO

Anche 5 anni fa proponevate innovative forme di finanziamento: visto che non ne abbiamo viste forniteci qualche esempio.

Riguardo a favorire incontri pubblici informativi sul bilancio comunale, ce lo auguriamo; sarebbe importante anzitutto fornire informazioni dettagliate ai consiglieri prima del consiglio comunale quando si propongono variazioni di bilancio, a differenza di quanto avvenuto con l’ultima.

 

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Riguardo alla partecipazione dei cittadini vi consigliamo di eliminare l’attuale inutile app e di utilizzare una più funzionale ed economica pagina Fb.

Per il bilancio partecipativo l’importo destinato è irrisorio. L’intera procedura andrebbe rivista per favorire la partecipazione anche dei singoli cittadini alla definizione dei progetti.

 

ATTIVITÀ PRODUTTIVE

Vi riproponete ancora di deliberare “incentivi  volti  a  promuovere  nuovi  insediamenti  produttivi”, dopo averli annunciati 5 anni fa. Chiediamo quali sono stati e quali saranno in futuro questi incentivi, considerato che negli ultimi 5 anni non si sono visti nuovi insediamenti produttivi e sono state chiuse invece ben 99 imprese, ed il bilancio tra nuove ditte e  ditte chiuse è stato sempre negativo.

Per attirare nuove imprese occorre anche un censimento delle superfici artigianali e industriali non utilizzate, o lotti industriali non edificati da pubblicizzare, perché le aziende per investire senza dover cercare in tutte le agenzie operanti nel paese, sarebbero agevolate nell’avere questa banca dati unitaria, nella quale vedere se c’è quello che fa al caso loro.

Servirebbe  un percorso di internazionalizzazione delle nostre aziende, fornendo alle medie e piccole l’accesso a spazi virtuali e spazi reali in esposizioni nazionali ed estere.

 

COMMERCIO

Per riattivare il commercio quello che proponete è troppo poco. Occorrono incentivi o sgravi fiscali per aprire nuove attività nel centro.

 

SERVIZI ALLE IMPRESE

Quello che maggiormente serve alle aziende è una rete internet ultraveloce e maggiore sicurezza, con riduzione dei furti in azienda

 

ARTIGIANATO

Riproponete come 5 anni fa il “sostegno… alla riconversione del legno ad usi diversi”. Chiediamo come si è realizzato questo sostegno negli ultimi 5 anni e cosa intendete fare di diverso ora visti gli scarsi risultati ottenuti finora.

 

AGRICOLTURA

Riproponete come 5 anni fa la collaborazione con il Ministero delle Politiche Agricole per la valorizzazione dell’Istituto Sperimentale per il Tabacco ed eventuale riconversione. Vi informiamo che tale istituto non esiste più a Bovolone, ma esiste invece una sede del Consiglio per la Ricerca in Agricoltura, il Crea, in particolare per la ricerca in Viticoltura. Ricordiamo che il centro è a rischio chiusura, in quanto il Commissario straordinario CREA, ha deciso la riorganizzazione ed ha previsto il ridimensionamento da 87 sedi a sole 43. Questo ha già determinato lo spostamento del centro di S. Giovanni Lupatoto in altra provincia. Che succederà alla sede di Bovolone? Vi invitiamo al massimo impegno per non perdere un altro pezzo dell’eccellenza del paese.

 

SPORT

Riproponete dopo 5 anni la destinazione di nuovi spazi dedicati al pattinaggio, skateboard e ciclismo. Siccome l’area per lo skateboard è già stata individuata dal Consiglio grazie ad una nostra mozione ancora nel 2012: sarebbe ora di realizzarla!

Vi invitiamo ancora con forza a fare in modo che tutti i minorenni di Bovolone iscritti a società locali possano allenarsi e giocare nei campi del paese.

 

ASSOCIAZIONISMO

Riproponete dopo 5 anni l’istituzione della Consulta permanente dei Presidenti delle contrade, presieduta dal sindaco: cosa vi ha impedito di realizzarla in 5 anni? Sarà la volta buona?

Vi invitiamo ad approfittare dell’occasione offerta dallo Stato e dalla Regione di poter ottenere in usufrutto gratuito la Stazione ferroviaria per darla in gestione ad una o più associazioni locali per le loro attività

 

TUTELA AMBIENTE

Riguardo alla “realizzazione di piste ciclabili”, era un vostro obbiettivo anche 5 anni fa e non se ne è visto nemmeno un metro in più. Speriamo sia la volta buona.

Per lo “studio di un progetto di fattibilità per la realizzazione della circonvallazione ed eliminazione traffico pesante dal centro urbano” era un obiettivo anche 5 anni fa: non vi sono bastati nemmeno per realizzare lo studio di fattibilità.

Un altro intervento promesso 5 anni fa è la “realizzazione di un II° eco-centro in zona San Pierino”, senza che in 5 anni sia stato adottato alcun provvedimento in tal senso.

A tal proposito consigliamo di realizzare prima un Centro del Riuso attiguo all’attuale ecocentro, in modo da ridurre la quantità di materiale che deve essere trattata all’ecocentro, e poi rivalutare se il secondo ecocentro sia realmente indispensabile.

Infatti costruire un’altra ecocentro non è propriamente un intervento che serve a ridurre i rifiuti ma a localizzarli in 2 punti di raccolta diversi.

Azioni che potrebbero portare alla riduzione dei rifiuti sono ad esempio l’introduzione della “tariffa puntuale” o della “tariffa volumetrica” con cui il cittadino paga in base al tipo e alla quantità di rifiuto prodotto (meno rifiuti, meno pago).  Per ridurre gli imballaggi in plastica occorre promuovere l’uso alimentare dell’acqua pubblica, in particolare quella del rubinetto di casa.

Concordiamo con “leliminazione delle barriere architettoniche negli edifici e spazi pubblici” , obiettivo che vi eravate posti anche 5 anni fa e che è consistito sinora nella realizzazione solo di due rampe, una al cimitero ed una in Municipio. A tal proposito cittadini disabili ci hanno fatto notare come la pendenza delle rampe dell’ospedale è eccessiva, per cui una persona in carrozzina non riesce a salirla da sola, ma ha bisogno di essere spinta da un’altra bene in forza.

E’ sconfortante trovare riproposta dopo 5 anni l’obiettivo “studio di un piano di rivisitazione della viabilità urbana e rurale” . In 5 anni di amministrazione almeno lo studio doveva essere stato fatto. Invece si sono realizzate modifiche a spot, senza un vero studio complessivo della viabilità. Anche per questo speriamo sia la volta buona.

 

Troviamo scritto “bonus amministrativi, per un risparmio complessivo a lungo termine delle risorse energetiche, naturali (acqua, terra) ed economiche degli abitanti delle città”. Se capiamo bene si potrebbe tradurre con incentivi per la bioedilizia. Questi interventi erano stati presentati  anche 5 anni fa, ma non sono ancora stati messi in pratica.

In merito a “interventi che potenziano la sicurezza dei cittadini, riducendo le malattie connesse all’inquinamento e allo stress, favorendo la socialità e perciò riducendo i fenomeni di delinquenza” chiediamo un esempio, perché non si capisce cosa c’entri l’inquinamento con la delinquenza.

Riguardo all’inquinamento chiediamo un vostro impegno per il ricollocamento di una centralina dell’Arpav  per effettuare analisi costante del livello di inquinamento atmosferico.

Riguardo la  “Messa in sicurezza del territorio sulla tutela idraulica mediante la creazione di bacini di laminazione e opere fognarie contingenti, al fine di cautelare il pericolo esondazioni”, chiediamo anche di valutare la possibilità di dividere la rete delle acque bianche, dalle acque nere, che sono concausa di esondazioni e rendono inefficace il depuratore in caso di piogge intense. Inoltre occorre estendere la rete fognaria e collegare ad essa le abitazioni che non lo sono ancora e/o incentivare impianti di depurazione per gli scarichi afferenti a corsi d’acqua.

Per gli “interventi di miglioramento su strade rurali” abbiamo letto che per il Sindaco significa asfaltare ogni metro di strade bianche. Gli facciamo notare che le strade rurali possono essere migliorate anche senza asfaltarle e che dovrebbe essere ben valutato prima  gli effetti di tali interventi di asfaltatura sul paesaggio e sulla sicurezza, invece di correre ai ripari successivamente come accaduto qualche settimana fa.

Per la riqualificazione del Parco del Menago, è indubbio come questa sia iniziata di fatto ed è per questo che ci spiace vedere strade asfaltate che lo attraversano e che temiamo le ricadute negative sul Parco del conseguente aumento di traffico veicolare e temiamo anche la situazione peggiori con la creazione del parcheggio per motocross previsto dal Piano Mulini.

Per il verde pubblico manca un Regolamento comunale per la protezione del verde e delle alberature che sancisca il principio che per ogni albero tagliato ne va piantato un altro.

 

PATRIMONIO

La riqualificazione energetica degli edifici pubblici era un obiettivo di 5 anni fa e poco è stato fatto. Abbiamo già proposto di inserire nel piano delle opere pubbliche gli interventi sulle centrali termiche delle scuole.

Anche la “realizzazione di una nuova camera mortuaria” era un vostro obiettivo di 5 anni fa non ancora realizzato e che ora riproponete: speriamo che 10 anni vi bastino.

Elogiamo l’impegno per “l’acquisizione delle aree militari dismesse”, anche se ne avete fatto richiesta solo nell’ultimo mese di amministrazione: l’aveste fatto 5 anni fa oggi forse la base militare sarebbe già nella disponibilità del Comune.

Sulle scuole, oltre agli interventi per l’efficientamento energetico, occorre realizzare una mensa alla scuola secondaria, dove per le molte famiglie che chiedono l’orario a settimana corta e per gli alunni del musicale, la mancanza di uno spazio idoneo al pranzo crea qualche disagio (molti alunni sono costretti a stare a scuola dalle 8 alle 14 e alcuni del musicale anche fino alle 16 senza poter fare una  pausa pranzo)

URBANISTICA

Leggiamo l’intenzione di applicare “Bonus amministrativi”: in cosa consisteranno praticamente? Ricordiamo che 5 anni fa nelle linee programmatiche avevate previsto l’introduzione di “incentivi per il recupero degli edifici e del decoro”; una delle tante promesse non mantenute. Anzi nel Regolamento di Polizia Urbana erano stati introdotti invece dei disincentivi, ad esempio all’art. 26 co. 8 del regolamento di Polizia Urbana che recita “ Qualora si renda necessario, per il grave stato di abbandono e/o degrado delle facciate degli edifici …, il Sindaco, con proprio provvedimento,… ordina ai proprietari di procedere al ripristino delle facciate ..”

Non ci risulta il Sindaco abbia mai emesso un provvedimento in tal senso. Infatti sono ormai numerosi gli edifici le cui facciate sono in stato di abbandono.

 

Riguardo poi ai “Contratti di quartiere” chiediamo come si arriverà alla definizione e stipula e come verranno scelte le persone controparte di questo contratto.

Una cosa che manca è un impegno per migliorare l’illuminazione in centro, che è molto carente ed è un problema sentito da molti cittadini.

Leggiamo l’intenzione di approvare il “Regolamento Edilizio condiviso con gli operatori del settore e i cittadini”. Come avverrà la condivisione? Verrà istituita una Commissione edilizia?

Riguardo alla ristrutturazione delle ex-scuole maschili chiediamo cosa intendete farne.

Leggiamo della realizzazione di un sottopasso alla mediana: intendete rendere utilizzabile il sottopasso tuttora esistente, che collega la Zai con la zona dietro Tosano?

Piazzale Mulino: Ci auguriamo che nella sistemazione di Piazzale Mulino sia ricompresa anche la messa in sicurezza dell’ingresso del Parco.

TUTELA SOCIALE E SANITARIA

Sul Punto di Primo Intervento ci auguriamo il vostro impegno per farlo diventare di Tipo A, con quindi maggiori servizi e strumenti di diagnosi e cura.

Per l’Ospedale di Comunità siamo in grave ritardo e auspichiamo un vostro forte ed autorevole intervento nei confronti dell’Ulss perchè i posti letto in Ospedale vengano attivati il prima possibile.

Notiamo che nel vostro programma, a differenza di 5 anni fa, non compare la parola Immigrazione. 5 anni fa vi proponevate di favorire l’integrazione degli immigrati. Siccome gli immigrati ci sono ancora e secondo noi il fenomeno va governato e regolato, spiace che nelle vostre linee programmatiche non se ne faccia cenno. Questo del resto è contradditorio con l’attribuzione della delega proprio all’immigrazione fatta nei confronti del consigliere comunale Castellini. Pare come se non si avesse un’idea di come gestire il fenomeno e si desse una delega in bianco ad un neo-consigliere, del quale abbiamo sinora apprezzato lo spirito collaborativo e propositivo, ma che non va lasciato solo e senza una linea di indirizzo politico chiara.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...