Il controllo di vicinato per contrastare la criminalità a Bovolone

Per contrastare la criminalità e rendere le case più sicure la nostra prima proposta: il controllo di vicinato. La nostra mozione sarà in votazione Venerdi 24 Novembre alle 20.30 in Sala Civica durante il Consiglio Comunale.

Di seguito il testo

controllo vicinato


Considerato che
– Alcuni episodi di criminalità e vandalismo mettono in evidenza la necessità di incentivare e potenziare gli interventi volti ad aumentare la sicurezza nel nostro territorio comunale, anche perché tra i cittadini è cresciuta notevolmente la percezione di paura ed insicurezza;
– Un problema così complesso come quello della sicurezza va affrontato utilizzando diversi strumenti, che da un lato vadano a promuovere la sicurezza urbana e dall’altro attenuino la percezione di insicurezza tra i cittadini, mediante interventi di tipo sia preventivo che repressivo;
– Uno strumento collaudato già dagli anni 60/70 negli Stati Uniti è il “Controllo del
vicinato”.
In Italia inizia a diffondersi nel 2009 indipendentemente dall’orientamento politico dei
Comuni. In Provincia di Verona è presente tra gli altri nei comuni di Verona, Negrar, Nogara, Legnago

Il controllo del vicinato è uno strumento pragmatico, serio e gratuito, che va a rafforzare
l’attività delle forze dell’ordine attraverso la formazione di gruppi di cittadini che
collaborano per fare del quartiere un luogo sicuro.
L’obiettivo del progetto è quello di accrescere il comune senso civico, coinvolgendo
attivamente i cittadini e rafforzare la fiducia nelle persone residenti nello stesso quartiere e nelle istituzioni.
Il suo obiettivo è combattere il fenomeno della micro-criminalità senza mettere nessuno in situazioni di pericolo ma, semplicemente, facendo rete e attivando il miglior antifurto di tutti: il proprio vicino di casa.

Dopo un’adeguata formazione, i cittadini dovranno osservare e segnalare alle forze
dell’ordine anomalie significative, senza agire direttamente ed evitando situazioni di
pericolo.
Esiste da anni un’apposita associazione nazionale di volontariato: l’Associazione Controllo del Vicinato, che coi referenti di zona cura la formazione dei residenti nei quartieri interessati.
L’Associazione Controllo del Vicinato (ACdV), costituita nel 2013, è composta da una rete
territoriale di volontari e specialisti volontari che forniscono consulenza e supporto alle
Amministrazioni Comunali, alle associazioni locali e a privati cittadini che intendono
sviluppare nel proprio territorio programmi di sicurezza partecipata e organizzare gruppi di Controllo del Vicinato (vedasi il sito http://www.acdv.it )
L’Associazione, dopo gli incontri formativi, consegna ai cittadini un manuale con le regole e le indicazioni per la corretta partecipazione al progetto. Fornisce anche una specifica cartellonistica da posizionare nei quartieri, quale ulteriore deterrente per i malintenzionati, comunicando a chiunque passi nell’area interessata al controllo che la sua presenza non passerà inosservata e che il vicinato è attento e consapevole di ciò che avviene all’interno dell’area ed in contatto con la Polizia locale.
Questo strumento è utile anche per collaborare con le forze per risalire a responsabili di
abbandono rifiuti, danneggiamenti e altri episodi.
Ritenuto che
– La sicurezza e la sua percezione sono direttamente connesse alle modalità con cui le
istituzioni riescono ad offrire “rassicurazioni” ai cittadini;
– Una maggiore collaborazione tra cittadini andrebbe di certo a determinare una sensibile riduzione delle condizioni che favoriscono le azioni criminose di reati, come furti in appartamento, truffe agli anziani, atti vandalici, reati ambientali e spaccio di stupefacenti;
– Favorire le attività di associazione significa anche contrastare lo sviluppo di
comportamenti incivili e/o violenti;
– Anche le Forze dell’Ordine potranno beneficiare di questa attività. L’instaurazione di un
dialogo continuo e sensibile con esse, unito alla sorveglianza della propria via, non potranno che migliorare la qualità delle segnalazioni fatte dai cittadini.
Rilevato che il controllo di vicinato è già in essere in modo informale in alcune zone del
paese (vedasi l’esperienza dei residenti in Via Catullo), segno che i cittadini lo ritengono un valido contributo per la sicurezza,

SI IMPEGNANO SINDACO E GIUNTA
Ad elaborare progetti che favoriscono la comunicazione e la collaborazione tra
cittadini, al fine di contrastare azioni criminose …..
In particolare il gruppo consiliare Movimento Cinque Stelle chiede a codesta
Amministrazione che venga avviato e coordinato nei quartieri di Bovolone:
Il progetto “CONTROLLO DEL VICINATO”,
che prevede l’auto-organizzazione tra vicini per controllare l’area circostante la propria
abitazione mediante una serie di piccole attenzioni che fanno da deterrente a chi volesse
compiere furti o altro genere di illeciti quali truffe, vandalismi ecc. ;
Il progetto dovrà essere adottato sentito il competente comando di Polizia locale e tenendo conto delle sue eventuali proposte per adattarlo alle esigenze locali.
Allegati: Esperienze di controllo di vicinato nella Provincia di Verona.
Comune di Verona:
http://www.veronasera.it/cronaca/verona-sicurezza-progetto-comune-controllo-vicinato-23-febbraio-2017-.html
Legnago:
http://www.comune.legnago.vr.it/nqcontent.cfm?a_id=1437&event_id=992
Negrar:
http://www.larena.it/territori/valpolicella/negrar/gruppi-di-controllo-di-vicinato-per-scongiurare-ifurti-in-casa-1.3193897

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...